La violenza: Tra scienza, conoscenza e coscienza.

La violenza: Tra scienza, conoscenza e coscienza.

Delitti Familiari

La violenza: Tra scienza, conoscenza e coscienza. Le perdite traumatiche: le matrici del “terzo” nelle relazioni interpersonali (terza parte)

Di fronte ad una  situazione di  pericolo manca ' il tempo di pensare', così i nostri due cervelli sottocorticali ci danno l’impulso ad agire rapidamente.

Il fattore tempo è essenziale quando si è sotto minaccia,poiché la nostra neocorteccia è resa temporaneamente meno attiva.

Il cervello rettile e quello limbico subentrano al funzionamento della neocorteccia. Questo meccanismo è chiamato 'dirottamento dal basso verso l'alto' o “dirottamento bottom-up”.

Le esperienze traumatiche e quelle legate a precoci dinamiche di attaccamento sono spesso ricordate e rivissute sotto forma di sensazioni corporee, per questo scegliere come obiettivo diretto le sensazioni fisiche può favorire l’integrazione dell’esperienza passata.

Anche le convinzioni hanno alla loro base le sensazioni corporee: una tensione fisica può dirci che non siamo al sicuro; la sensazione legata a un respiro profondo o al mento che si solleva favorisce convinzioni come “Io valgo” o “Io sono capace”.

L’iper-arousal può causare sensazioni intense e travolgenti, mentre, l’ipo-arousal può causare sensazioni d’intorpidimento. Per tollerare più facilmente emozioni dolorose possiamo sganciarci dalle sensazioni corporee.

Il sistema nervoso autonomo che fa da tramite tra il cervello e il corpo, partecipa direttamente al controllo degli stati di arousal. Il sistema nervoso autonomo è composto dal sistema simpatico, parasimpatico ed enterico. Un’eccessiva attività del sistema simpatico si traduce in un aumento di processi associati ad un alto dispendio di energia; all’opposto, un’eccessiva attività del sistema parasimpatico induce processi che tendono a risparmi di energia.

I cambiamenti dell’arousal riflettono la capacità innata del nostro sistema nervoso di valutare in maniera istintiva se siamo a rischio o al sicuro e di aiutarci a raggiungere un livello di arousal. La capacità di valutazione del pericolo presente nel sistema nervoso, chiamata neurocezione, si attua  in maniera automatica.

Diversamente dalla percezione, che si basa sui sensi per ottenere le informazioni di cui ha bisogno, la neurocezione si basa sulla capacità del sistema nervoso di riconoscere segnali comportamentali provenienti dagli altri che indicano sicurezza, pericolo o minaccia per la vita.

Questo sistema è integro nei bambini al momento della nascita, ma perché esso si sviluppi e diventi un sistema sano è necessario che le figure di attaccamento primarie garantiscano un supporto adeguato.

Se possiamo beneficiare di un attaccamento sano e supportivo, in modo relativamente costante nei primi anni di vita, il nostro sistema nervoso svilupperà una solida capacità di avere livelli ottimali di arousal e un coinvolgimento sociale.

La prima parte è pubblicata su https://www.offender.eu/news/Le-perdite-traumatiche:-le-matrici-del-%E2%80%9Cterzo%E2%80%9D-nelle-relazioni-interpersonali-(prima-parte)-La-violenza:-tra-scienza,-conoscenza-e-coscienza.html

La seconda parte è pubblicata su https://www.offender.eu/articoli/Delitti-Familiari-La-violenza:-Tra-scienza,-conoscenza-e-coscienza.html

Le neuroscienze applicate al contrasto della violenza https://www.offender.eu/news/Centro-Presunti-Autori-Le-neuroscienze-applicate-al-contrasto-della-violenza.html

Vuoi restare aggiornato su pubblicazioni, ricerche ed eventi formativi sulla Violenza e sullo Stalking?
Iscriviti alla nostra Newsletter clicca su   https://mailchef.4dem.it/app/landingpage/view/91z/1xi

Centro profilassi relazioni disfunzionali e violente https://www.offender.eu/articoli/Delitti-Familiari-Centro-profilassi-relazioni-disfunzionali-e-violente.html

Al momento è in atto il progetto “La violenza di genere che non degenera” vincitore del bando finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le pari Opportunità. I finanziamenti permettono di offrire il protocollo A.I.P.C.© a tutte le persone colpite dalla violenza, in particolare i presunti autori di violenza e stalking. 

Per appuntamenti ed informazioni

Numero Nazionale 06442426573 (dal lunedì’ al venerdì’ orario 09:00_19:00). Numero Nazionale 39 392 440 1930 (festivi e fine settimana orario 12:00_16:00)

Riproduzione riservata ©A.I.P.C. Editore 2020