Una mentalità abusante. La lettura Bancfroftiana (settima parte).

Una mentalità abusante. La lettura Bancfroftiana (settima parte).

Campagna #noirestiamoattivionline

Una mentalità abusante. La lettura Bancfroftiana (settima parte).

La psicoterapia si concentra sui sentimenti dell’uomo, cercando di fornire empatia e supporto, non importa quanto disfunzionali siano questi atteggiamenti che danno vita a questo genere di sentimenti. I sentimenti di cui si discute riguardano quelli del partner e dei figli, ma non quelli dell’abusante. 

La psicoterapia prevede poche regole o talvolta anche nessuna, che definiscono ciò che l’uomo è autorizzato a fare durante il periodo in cui è in terapia. Il terapeuta di un uomo abusante di solito non parla con la donna abusata, il programma per gli abusanti invece prevede che lo si faccia sempre.
Un programma per l’abuso dovrebbe fornire all’uomo un’educazione sugli abusi, stimolandolo a interrogarsi su quei concetti che riguardano la sua stessa vita e a confrontarsi con i suoi atteggiamenti abusanti e le sue giustificazioni. 

Un programma per l’abuso non prevede alcun tipo di "magia", l’uomo che fa grandi cambiamenti di vita a seguito di questo programma è colui che sceglie di lavorare con esso e non si siede aspettando che il programma lo aiuti. In un programma per abusanti, la donna maltrattata è considerata il cliente principale. 

L’unica assistenza offerta all’uomo abusante è educarlo e sfidarlo rispetto al cambiamento dei suoi atteggiamenti e dei suoi comportamenti abusanti.
Dal canto suo l’uomo abusante può avere altri obiettivi, ad esempio tornare nella relazione con la partner, ottenere più visite con i bambini, ridurre gli assegni destinati ai figli, sfuggire alle accuse penali. Il programma non gli fornisce un aiuto per tutti questi suoi possibili obiettivi, l’ultima cosa di cui una donna maltrattata ha bisogno è ulteriori persone che aiutino il suo abusante a lavorare contro di lei.

Un uomo abusante non cambia perché si sente in colpa, o perché diventa lucido o perché incontra Dio.  Decidere di lasciarlo è una scelta efficace, che potrebbe promuovere ulteriormente il suo cambiamento, forse anche meglio dell’intervento legale. La donna maltratta dovrà chiarire cosa si aspetta che cambi in lui e nel suo rapporto con lei, grazie al trattamento, cosa è disposta ad accettare o meno per vivere ancora con lui. 

Gli uomini violenti che apportano cambiamenti duraturi alla propria vita sono quelli che lo fanno perché si rendono conto di quanto stiano facendo del male ai loro partner e ai loro bambini. Il contatto occasionale potrebbe essere nocivo anche per l’abusante, potrebbe alimentare la sua negazione del suo problema, incoraggiandolo a mettere in atto ulteriori manipolazioni, dunque non permettendogli di effettuare un confronto con sé stesso e con i suoi comportamenti. Il primo passo che potrebbe testimoniare il suo cambiamento è quello di rispettare la scelta della vittima e lo spazio che quest’ultima gli richiede.

L'Associazione Italiana di Psicologia e Ciminologia ti invita a parteciapre ad uno studio on - line -  Esperti in violenza: competenze o genere? Lo studio è rivolto all'intera popolazione adulta. Quindi se fosse possibile ti chiediamo di aiutarci a diffondere il questionario tra amici, familiari e conoscenti. Puoi compilare il questionario cliccando sul link https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdJBXkC4_hQPLNP1rGjf9xcPElEKOt0tu2QjNsC6AxYXAHxfA/viewform?usp=sf_link

Questo articolo rientra nelle attività del progetto “La violenza di genere che non degenera”, vincitore del bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità (2017), per il finanziamento di progetti volti alla prevenzione e contrasto della violenza verso le donne anche in attuazione della convenzione di Istanbul – Linea C) Programmi di trattamento degli uomini maltrattanti.

Coronavirus, l’associazione che cura gli uomini violenti: «Rischiamo di non riaprire» https://www.corriere.it/cronache/20_aprile_29/coronavirus-l-associazione-che-cura-uomini-violenti-rischiamo-non-riaprire-41b4bd90-8928-11ea-8073-abbb9eae2ee6.shtml?&appunica=true&fbclid=IwAR0xRfQ8wVh4GAKuBMUSYJ8ayVF6fE8gDCM69XcoGhfTEN10rooeLzAXkNQ

Centro Italiano trattamento delle relazioni violente https://www.offender.eu/news/Centro-Presunti-Autori-Centro-Italiano-trattamento-delle-relazioni-violente-.html

Centro Presunti autori di violenza e stalking https://www.offender.eu/news/Centro-Presunti-Autori-Offender:-Centro-Presunti-autori-di-violenza-e-stalking.html

Una mentalità abusante: La lettura Bancfroftiana (prima parte) https://www.offender.eu/news/campagna-noirestiamoattivionline-Una-mentalit%C3%A0-abusante:-La-lettura-Bancfroftiana-(prima-parte)..html

Brava persona, bravo ragazzo e violento omicida. (prima parte). https://www.offender.eu/articoli/Centro-Presunti-Autori-Brava-persona,-bravo-ragazzo-e-violento-omicida.-prima-parte.html

Brava persona, bravo ragazzo e violento omicida. La matrice della manipolazione https://www.offender.eu/articoli/Centro-Presunti-Autori-Brava-persona,-bravo-ragazzo-e-violento-omicida.-La-matrice-della-manipolazione.html

Rifiuto tossico. Stalker e trattamento: prigione o terapia - prima parte https://www.offender.eu/articoli/Centro-Presunti-Autori-Rifiuto-tossico.-Stalker-e-trattamento:-prigione-o-terapia---prima-parte.html

Sintesi Workshop: “La centralità del trattamento delle persone violente per una efficace prevenzione” (ultima parte) https://www.offender.eu/news/-Sintesi-Workshop.-La-centralit%C3%A0-del-trattamento-delle-persone-violente-per-una-efficace-prevenzione.-ultima-parte.html

Il con-tatto ai tempi del coronavirus. (ultima parte) https://www.offender.eu/articoli/Delitti-Familiari-Il-con-tatto-ai-tempi-del-coronavirus.-(ultima-parte).html

Il profilo di comunità e delle persone violente ai tempi del coronavirus. https://www.offender.eu/articoli/Generale-Il-profilo-di-comunit%C3%A0-e-delle-persone-violente-ai-tempi-del-coronavirus..html

Le relazioni violente, in una società draconiana, ai tempi del coronavirus https://www.offender.eu/articoli/Centro-Presunti-Autori-Le-relazioni-violente,-in-una-societ%C3%A0-draconiana,-ai-tempi-del-coronavirus.html

Centro Presunti autori di violenza e stalking: Sportello telefonico: 0644246573 - WhatsApp 3920666515 - Mail: info@offender.eu 

AIUTACI AD AIUTARTI

Dona il tuo 5 X 1000 all’A.I.P.C. C.F. 97238660589, un’equipe di professionisti volontari cha dal 2001 applicano strumenti scientifici integrati alla prevenzione e contrasto di ogni forma di violenza.  

Vuoi restare aggiornato su ricerche, pubblicazioni ed eventi formativi su violenza e stalking? Iscriviti alla nostra newsletter https://mailchef.4dem.it/app/landingpage/view/91z/1x

Bibliografia

Bancroft, L. (2015). Why does he do that? Inside the minds of angry and controlling men. Berkley Books, New York.

Eagle, M.N. (2012). Da Freud alla psicoanalisi contemporanea. Raffaello Cortina Editore, Milano

Fairbairn, W. R. (1977). Studi psicoanalitici sulla personalità. Editore Boringhieri, Torino

Tomasello, M. (2010) Altruisti nati. Perché cooperiamo fin da piccoli. Editore Boringhieri, Torino

Riproduzione riservata ©A.I.P.C. Editore 2020