Sintesi 3° incontro sulla violenza con i ragazzi dell'Istituto Superiore Braschi Quarenghi di Subiaco (seconda parte)

Sintesi 3° incontro sulla violenza con i ragazzi dell'Istituto Superiore Braschi Quarenghi di Subiaco (seconda parte)

Progetto La violenza di genere che non degenera

 Sintesi 3° incontro sulla violenza con i ragazzi dell'Istituto Superiore Braschi Quarenghi di Subiaco

Seconda parte

Il Dott. Lattanzi ha posto all’attenzione dei ragazzi uno spezzone della serie di Netflix, “You”, che li ha coinvolti notevolmente. Grazie a questo il Dott. Lattanzi ha sottolineato la correlazione che emerge dalla storia dei protagonisti tra vero amore e vera perdita; entrambi i protagonisti, infatti, si sono riconosciuti nel dolore e, come accede solitamente nelle relazioni disfunzionali, si sono sentiti legati da esso.

Sintesi 1° incontro con i ragazzi dell'istituto superiore Braschi Quarenghi di Subiaco sulla violenza https://www.offender.eu/articoli/stalking-Sintesi-Seminario-Le-relazioni-violente-Istituto-Superiore-di-Subiaco.html

Il Dott. Lattanzi, ha concluso l’intervento con il primo gruppo di ragazzi ricordando l’importanza di chiedere aiuto a un professionista e del sapersi rispettare per farsi rispettare.

Salutando questo gruppo di ragazzi, l’aula è pronta ad accogliere il secondo gruppo di giovani che per numerosità la gremiscono.  Il Dott. Lattanzi ha presentato brevemente l’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia, riassunto ciò che è emerso dal primo gruppo di classe, e raccomandato ai ragazzi di prestare attenzione a partner che vogliono vivere la relazione in maniera esclusiva poiché il rischio è che questi gli facciano terra bruciata intorno.

Lattanzi ha messo anche in risalto l’importanza di una relazione che, per essere tale, deve sempre aggiunge qualcosa e mai sottrarre, poiché sarebbe disfunzionale. Il gruppo risulta essere molto partecipativo e individua, tra i momenti di vulnerabilità, in cui vi è maggiore rischio di instaurare una relazione disfunzionale, un lutto, una separazione, una situazione conflittuale, problemi familiari, come la separazione dei genitori, un licenziamento, un abbandono di una figura di riferimento, un fallimento personale e il rifiuto della persona amata. Il Dott. Lattanzi ha ribadito l’importanza di rivolgersi sempre ad uno specialista in queste situazioni.

Sintesi 2° incontro con i ragazzi dell'istituto superiore Braschi Quarenghi di Subiaco sulla violenza https://www.offender.eu/news/Centro-Presunti-Autori-SINTESI-SECONDO-SEMINARIO-LE-RELAZIONI-VIOLENTE-ISTITUTO-SUPERIORE-DI-SUBIACO.html

A questo punto si è acceso un interessante dibattito.  Il Dott. Lattanzi  ha tenuto a precisare che l’intento del suo intervento era quello di far esperire ai ragazzi i loro modi di stare in relazione, che possono essere disfunzionali, poiché è fondamentale tener presente, che se esiste uno stalker, esiste anche una persona che sta con uno stalker, allora è importante capire i motivi per cui questa persona “sceglie” di stare con uno stalker o con un partner violento, e cosa la lega a lui. Avviandosi alla conclusione di questa mattinata cosi emozionante, Lattanzi ha ribadito che è giusto prendere le distanze dai legami disfunzionali, qualunque esse siano, le distanze non possono essere solo kilometriche, ma anche psicologiche perché questo tipo di legami si portano dentro e influenzano il modo di comportarsi, il modo di relazionarsi. È necessario fare un percorso psicologico per trovare la giusta distanza.

La forza non sta nel fare tutto da soli, ma nel riconoscere che se c’è qualcosa che non va occorre chiedere aiuto. L’esortazione finale che il dott. Lattanzi ha voluto dedicare ai giovani è stata ‘Ascoltate la vostra pancia, perché quella non sbaglia mai!’.

Sintesi 3° incontro con i ragazzi dell'Istituto Superiore Braschi Quarenghi di Subiaco (prima parte) https://www.offender.eu/news/Progetto-La-violenza-di-genere-che-non-degenera-Sintesi-3%C2%B0-incontro-con-i-ragazzi-dell'Istituto-Superiore-Braschi-Quarenghi-di-Subiaco-.html

Al momento è in atto il progetto “La violenza di genere che non degenera” vincitore del bando finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le pari Opportunità. I finanziamenti permettono di offrire il protocollo A.I.P.C.© a tutte le persone colpite dalla violenza, in particolare i presunti autori di violenza e stalking. 

Centro profilassi relazione disfunzionali e violente

Il Centro specialistico è dedicato a singoli individui, coppie e nuclei familiari con disagi nelle relazioni interpersonali. Gli esperti dell’A.I.P.C. dal 2001 forniscono training brevi ed efficaci per affrontare ogni tipo di complicazione relazionale, dalla fase iniziale a quella della separazione, anche con episodi di violenza e stalking. Il Centro è aperto a tutte le persone, senza distinzione di sesso e del ruolo che rivestono nelle relazioni interpersonali.

https://www.offender.eu/articoli/Delitti-Familiari-Centro-profilassi-relazioni-disfunzionali-e-violente.html

Contatta l’A.I.P.C. al numero 0644246573 (lunedì/venerdì - 09:00/19:00), oppure invia una mail a info@offender.eu.

Riproduzione riservata ©A.I.P.C. Editore 2020