Psicologia e cinema: Il lato positivo (seconda parte)

Psicologia e cinema: Il lato positivo (seconda parte)

Campagna #noirestiamoattivionline

Psicologia a Cinema: Il lato positivo (seconda parte)

I due instaurano un rapporto basato su complicità e rispetto reciproco, aiutandosi a vicenda: Pat aiuta Tiffany a preparare una gara di ballo, e lei lo aiuta a riconquistare la ex moglie, facendo da tramite tra i due con uno scambio epistolare. In realtà, Pat scoprirà alla fine che Tiffany rispondeva alle sue lettere, al posto della ex moglie. Nonostante ciò, i due finiranno per innamorarsi. La relazione fra Pat e Tiffany sarà fondamentale per il recupero graduale di entrambi, soprattutto poiché costruita sull’espressione corporea del ballo, attraverso la quale entrambi riescono a rimettersi in contatto con le proprie emozioni. Attraverso questa relazione vengono a patti con il loro disagio psichico, liberi dalle aspettative del contesto, riescono ad accettare la propria malattia, le proprie debolezze ed imperfezioni.

Non si può dire che acquisiscano questa consapevolezza nello stesso frangente, ma entrambi comprendono di non essere perfetti e riescono ad accettarsi e, soprattutto, ad accettare il presente, trovando il proprio risvolto positivo.

Nel corso del film, Pat si trova a fare i conti con altre relazioni della sua vita, come quella con i genitori o suo fratello. Per quanto concerne il rapporto con il fratello, risulta emblematico un particolare nella scena iniziale quando Pat torna a casa: ci sono le foto di entrambi i figli, Pat e suo fratello, ma soltanto la foto del fratello è appesa al muro. Da ciò si può evincere che ci sia un rapporto di disparità fra fratelli, confermato dallo stesso padre che parlando con Pat ammette di aver passato poco tempo con lui e troppo con il fratello. Anche dal loro dialogo, in una delle scene finali, risalta il disagio e l’imbarazzo nell’affrontare determinate problematiche, affiancati dalla poca sensibilità del fratello di Pat.

In generale, il sistema familiare di Pat risulta essere patologico. Il padre, giocatore d’azzardo con tratti ossessivi compulsivi, cerca di instaurare un rapporto con lui basato sulla condivisione di un interesse; in alcune situazioni è empatico con Pat, ma per la maggior parte potrebbe essere considerato come colui il quale si occupa di controllarlo, soprattutto nel farlo stare lontano della ex moglie. Appare chiaro, in una delle prime scene, che è la madre a fare da intermediario in questo rapporto padre-figlio; infatti: il padre non sapeva che Pat sarebbe tornato a casa e, viceversa, Pat non sapeva che il padre aveva perso il lavoro. Una scena centrale, riguardo il loro rapporto, è quando sono entrambi in macchina e parlano dell’espulsione del padre dallo stadio, per aver preso parte ad una rissa, e Pat esclama: “non siamo così diversi,eh,papà”.

L'Associazione Italiana di Psicologia e Ciminologia ti invita a parteciapre ad uno studio on - line -  Esperti in violenza: competenze o genere? Lo studio è rivolto all'intera popolazione adulta. Quindi se fosse possibile ti chiediamo di aiutarci a diffondere il questionario tra amici, familiari e conoscenti. Puoi compilare il questionario cliccando sul link https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdJBXkC4_hQPLNP1rGjf9xcPElEKOt0tu2QjNsC6AxYXAHxfA/viewform?usp=sf_link

Questo articolo rientra nelle attività del progetto “La violenza di genere che non degenera”, vincitore del bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità (2017), per il finanziamento di progetti volti alla prevenzione e contrasto della violenza verso le donne anche in attuazione della convenzione di Istanbul – Linea C) Programmi di trattamento degli uomini maltrattanti.

Coronavirus, l’associazione che cura gli uomini violenti: «Rischiamo di non riaprire» https://www.corriere.it/cronache/20_aprile_29/coronavirus-l-associazione-che-cura-uomini-violenti-rischiamo-non-riaprire-41b4bd90-8928-11ea-8073-abbb9eae2ee6.shtml?&appunica=true&fbclid=IwAR0xRfQ8wVh4GAKuBMUSYJ8ayVF6fE8gDCM69XcoGhfTEN10rooeLzAXkNQ

Centro Italiano trattamento delle relazioni violente https://www.offender.eu/news/Centro-Presunti-Autori-Centro-Italiano-trattamento-delle-relazioni-violente-.html

Centro Presunti autori di violenza e stalking https://www.offender.eu/news/Centro-Presunti-Autori-Offender:-Centro-Presunti-autori-di-violenza-e-stalking.html

Una mentalità abusante: La lettura Bancfroftiana (prima parte) https://www.offender.eu/news/campagna-noirestiamoattivionline-Una-mentalit%C3%A0-abusante:-La-lettura-Bancfroftiana-(prima-parte)..html

Brava persona, bravo ragazzo e violento omicida. (prima parte). https://www.offender.eu/articoli/Centro-Presunti-Autori-Brava-persona,-bravo-ragazzo-e-violento-omicida.-prima-parte.html

Brava persona, bravo ragazzo e violento omicida. La matrice della manipolazione https://www.offender.eu/articoli/Centro-Presunti-Autori-Brava-persona,-bravo-ragazzo-e-violento-omicida.-La-matrice-della-manipolazione.html

Rifiuto tossico. Stalker e trattamento: prigione o terapia - prima parte https://www.offender.eu/articoli/Centro-Presunti-Autori-Rifiuto-tossico.-Stalker-e-trattamento:-prigione-o-terapia---prima-parte.html

Sintesi Workshop: “La centralità del trattamento delle persone violente per una efficace prevenzione” (ultima parte) https://www.offender.eu/news/-Sintesi-Workshop.-La-centralit%C3%A0-del-trattamento-delle-persone-violente-per-una-efficace-prevenzione.-ultima-parte.html

Il con-tatto ai tempi del coronavirus. (ultima parte) https://www.offender.eu/articoli/Delitti-Familiari-Il-con-tatto-ai-tempi-del-coronavirus.-(ultima-parte).html

Il profilo di comunità e delle persone violente ai tempi del coronavirus. https://www.offender.eu/articoli/Generale-Il-profilo-di-comunit%C3%A0-e-delle-persone-violente-ai-tempi-del-coronavirus..html

Le relazioni violente, in una società draconiana, ai tempi del coronavirus https://www.offender.eu/articoli/Centro-Presunti-Autori-Le-relazioni-violente,-in-una-societ%C3%A0-draconiana,-ai-tempi-del-coronavirus.html

Centro Presunti autori di violenza e stalking: Sportello telefonico: 0644246573 - WhatsApp 3920666515 - Mail: info@offender.eu 

AIUTACI AD AIUTARTI

Dona il tuo 5 X 1000 all’A.I.P.C. C.F. 97238660589, un’equipe di professionisti volontari cha dal 2001 applicano strumenti scientifici integrati alla prevenzione e contrasto di ogni forma di violenza.  

Vuoi restare aggiornato su ricerche, pubblicazioni ed eventi formativi su violenza e stalking? Iscriviti alla nostra newsletter https://mailchef.4dem.it/app/landingpage/view/91z/1x

Filmografia

Il lato positivo (Silver Linings Playbook), D. O. Russell, USA, 2012.