La violenza: Tra scienza, conoscenza e coscienza.

La violenza: Tra scienza, conoscenza e coscienza.

Le perdite traumatiche: le matrici del “terzo” nelle relazioni interpersonali (quarta parte)

La violenza: Tra scienza, conoscenza e coscienza. Le perdite traumatiche: le matrici del “terzo” nelle relazioni interpersonali (quarta parte)

Una neurocezione di pericolo, invece che  sicurezza, può stimolare un arousal estremamente alto (iper)o basso (ipo) al fine di promuovere dei comportamenti protettivi.

Potremmo neuropercepire pericolo quando gli altri ci criticano, non ci prestano attenzione o sono arrabbiati con noi. Potremmo difenderci in svariati modi: ritirandoci in noi stessi, richiedendo attenzione, accusando, tentando di compiacere l’altra persona, oppure giustificando noi stessi o il nostro comportamento.

Neuropercepiamo il pericolo perché, a livello primitivo, la loro disapprovazione implicitamente minaccia la nostra sicurezza.

È possibile che in questi casi si attivi un arousal elevato, o addirittura iper-arousal, che ci spinge a impegnarci di più per soddisfare le loro aspettative e rimanere al sicuro, piuttosto che contrastare le aspettative e rischiare un’ulteriore punizione, disapprovazione, rifiuto, critica.

La neurocezione del pericolo spinge l’attivazione verso l’iper-arousal al fine di massimizzare le nostre possibilità di sopravvivenza.

Se abbiamo vissuto l’esperienza di un pericolo da cui non siamo potuti fuggire, come un abuso sessuale o un’altra forma di trauma, allora le opzioni di attacco, fuga o la richiesta di aiuto non erano  possibili. Quando neuropercepiamo che la sopravvivenza è a rischio e che non c’è nessuno ad aiutarci, l’opzione migliore è quella di cessare ogni attività e spegnersi.

Possiamo anche vivere gli stessi livelli di arousal dei nostri genitori a causa del trasferimento transgenerazionale degli stati di arousal.

Un primo passo per regolare l’arousal è imparare a identificare i propri trigger personali, le situazioni, le persone o anche le esperienze interiori che automaticamente neuropercepiamo come minacciose.

I problemi legati a ricordi dolorosi riguardano evitamento, preoccupazione e intrusione.  In questi casi la risoluzione migliore sta nella  capacità di sperimentare nuovamente lo stato in cui si era al momento dell’evento, mantenendo contemporaneamente la consapevolezza del momento presente.

La prima parte è pubblicata su https://www.offender.eu/news/Le-perdite-traumatiche:-le-matrici-del-%E2%80%9Cterzo%E2%80%9D-nelle-relazioni-interpersonali-(prima-parte)-La-violenza:-tra-scienza,-conoscenza-e-coscienza.html

La seconda parte è pubblicata su https://www.offender.eu/articoli/Delitti-Familiari-La-violenza:-Tra-scienza,-conoscenza-e-coscienza.html

La terza parte è pubblicata su https://www.offender.eu/news/Le-perdite-traumatiche:-le-matrici-del-%E2%80%9Cterzo%E2%80%9D-nelle-relazioni-interpersonali-(terza-parte)-La-violenza:-Tra-scienza,-conoscenza-e-coscienza..html

Le neuroscienze applicate al contrasto della violenza https://www.offender.eu/news/Centro-Presunti-Autori-Le-neuroscienze-applicate-al-contrasto-della-violenza.html

Vuoi restare aggiornato su pubblicazioni, ricerche ed eventi formativi sulla Violenza e sullo Stalking?
Iscriviti alla nostra Newsletter clicca su   https://mailchef.4dem.it/app/landingpage/view/91z/1xi

Le relazioni violente al tempo del coronavirus! Non vi lasciamo soli con la violenza e il coronavirus https://www.offender.eu/news/Sportello-antiviolenza-e-stalking-Le-relazioni-violente-al-tempo-del-coronavirus!-Non-vi-lasciamo-soli-con-la-violenza-e-il-coronavirus.html?fbclid=IwAR1ndoIsZJvdD81V518mPclhuSyKQ4k1wRgV3B3KVI5oregrztuGyLXtWp8

Centro profilassi relazioni disfunzionali e violente https://www.offender.eu/articoli/Delitti-Familiari-Centro-profilassi-relazioni-disfunzionali-e-violente.html

Al momento è in atto il progetto “La violenza di genere che non degenera” vincitore del bando finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le pari Opportunità. I finanziamenti permettono di offrire il protocollo A.I.P.C.© a tutte le persone colpite dalla violenza, in particolare i presunti autori di violenza e stalking. 

Per appuntamenti ed informazioni

Numero Nazionale 06442426573 (dal lunedì’ al venerdì’ orario 09:00_19:00). Numero Nazionale 39 392 440 1930 (festivi e fine settimana orario 12:00_16:00).

AIUTACI AD AIUTARTI

Dona il tuo 5 X 1000 all’A.I.P.C. C.F. 97238660589, un’equipe di professionisti volontari cha dal 2001 applicano strumenti scientifici integrati alla prevenzione e contrasto di ogni forma di violenza.  

Riproduzione riservata ©A.I.P.C. Editore 2020