Sintesi Workshop: La centralità del trattamento delle persone violente per una efficace prevenzione (seconda parte)

Sintesi Workshop: La centralità del trattamento delle persone violente per una efficace prevenzione (seconda parte)

Campagna #noirestiamoattivionline

Sintesi Workshop: La centralità del trattamento delle persone violente per una efficace prevenzione (seconda parte)

Nell’ambito del progetto “La violenza di genere che non degenera”, vincitore del bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità (2017), per il finanziamento di progetti volti alla prevenzione e contrasto della violenza verso le donne anche in attuazione della convenzione di Istanbul – Linea C) Programmi di trattamento degli uomini maltrattanti:

Si è tenuto il 17 aprile 2020 - Workshop a distanza gratuito “La centralità del trattamento delle persone violente per una efficace prevenzione” – Il protocollo scientifico integrato A.I.P.C. - ®OFFENDER. Il Workshop è stato organizzato dall’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia

Intervento Carmelo Cantone

Tra gli intervenuti all’importante workshop, il Dottor Carmelo Cantone, Dirigente generale dell’Amministrazione Penitenziaria, sceglie di parlare della parentesi penitenziaria per le persone violente, e non solo, per sottolineare una emergenza permanente nelle carceri.

Un universo enorme di individualità che devono essere capite, intercettate sia nei problemi e nei bisogni che esprimono, sia nel tipo di pericolosità che queste persone possono esprimere, ma spesso subentra la carenza di operatori sia interni che esterni a supporto.

Il Dottor Cantone, vicino all’Associazione A.I.P.C., spiega anche la difficoltà vissuta in questo periodo circa i contatti umani e di aver dovuto comunicare ai detenuti che era impossibile effettuare i colloqui a vista con i familiari e di conseguenza con operatori di supporto ed esperti psicologi.

Il collegamento a distanza diventa, dunque, un gran valore aggiunto da rafforzare ed introdurre capillarmente, perché potenzia anche quello che è già il rapporto terapeutico che c’è fra il professionista e gruppi terapeutici, abbattendo i servizi all’interno del carcere e allo stesso tempo garantendo molti più contatti con il mondo esterno.

Intervento Fiorenza Sarzanini

A seguire l’intervento del Dottor Cantone, la dott.ssa Fiorenza Sarzanini, giornalista del Corriere della Sera, apre la discussione su “la reclusione con il coronavirus, appello al governo per il sostegno psicologico". 

La dott.ssa Sarzanini menziona lo stretto contatto con il Dottor Lattanzi dell’A.I.P.C.,  avuto nel presente periodo, e ne conviene sulle  problematiche ed emergenze che emergeranno al termine della pandemia sul tema della reclusione, per quanto riguarda le carceri.

La dott.ssa Sarzanini, avviandosi alle conclusioni,  sottolinea l’importanza assoluta  del continuo sostegno psicologico  agli aggressori e, naturalmente, alle vittime, soprattutto in  questa reclusione forzata dove non si può fuggire da una situazione violenta in casa.

Il sostegno psicologico per gli aggressori e per le vittime deve essere reso obbligatorio, e  ci deve essere un investimento del Governo che possa occuparsi di questo problema così come si occupa delle altre patologie.  Il percorso diventa molto più facile se viene accompagnato da esperti tutelati.

La moderatrice Pagani chiede al Dottor Lattanzi di introdurre il caso di una persona, che si è rivolta alla sua Associazione, in attesa di giudizio per atti persecutori, e la necessità di dargli un sostegno psicologico.

Il Dottor Lattanzi si mostra preoccupato dal fatto che i nuovi nati, nuovi adolescenti, nuovi ragazzi e nuove coppie vivranno il coronavirus come un Disturbo Post-traumatico da Stress, che entrerà a gamba tesa nelle relazioni interpersonali, da qui l’importanza di seguire questi casi.

continua ...

Sintesi Workshop: “La centralità del trattamento delle persone violente per una efficace prevenzione” (prima parte) https://www.offender.eu/news/Centro-Presunti-Autori-Sintesi-Workshop.-La-centralit%C3%A0-del-trattamento-delle-persone-violente-per-una-efficace-prevenzione.-prima-parte.html

Il con-tatto ai tempi del coronavirus. (ultima parte) https://www.offender.eu/articoli/Delitti-Familiari-Il-con-tatto-ai-tempi-del-coronavirus.-(ultima-parte).html

Il profilo di comunità e delle persone violente ai tempi del coronavirus. https://www.offender.eu/articoli/Generale-Il-profilo-di-comunit%C3%A0-e-delle-persone-violente-ai-tempi-del-coronavirus..html

Le relazioni violente, in una società draconiana, ai tempi del coronavirus https://www.offender.eu/articoli/Centro-Presunti-Autori-Le-relazioni-violente,-in-una-societ%C3%A0-draconiana,-ai-tempi-del-coronavirus.html

Informazioni: WhatsApp 3920666515-  info@offender.eu 

AIUTACI AD AIUTARTI

Dona il tuo 5 X 1000 all’A.I.P.C. C.F. 97238660589, un’equipe di professionisti volontari cha dal 2001 applicano strumenti scientifici integrati alla prevenzione e contrasto di ogni forma di violenza.  

Riproduzione riservata ©A.I.P.C. Editore 2020